Come scegliere i propri nuovi serramenti
Casa

Come scegliere i propri nuovi serramenti

Il settore dell’edilizia, stagnante ormai da anni, sembra avere attinto nuova linfa vitale in particolare dall’ambito delle ristrutturazioni. Il merito di questa rinascita è da ricercarsi nel piano di incentivi fiscali concessi dal governo che oltre ad avere dato un po’ di respiro ad un settore per lo più fermo, hanno anche stimolato molti italiani ad intraprendere lavori di ristrutturazione con particolare riferimento agli interventi per il miglioramento dell’efficienza energeticadegli edifici. Quando si parla di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici si può prendere in considerazione una molteplicità di operazioni: dai cappotti termici alla sostituzione dei serramenti, dall’isolamento dei sottotetti all’acquisto di caldaie dalle alte prestazioni.

Insieme all’azienda Gioma srl che si occupa di serramenti a Udine vedremo come scegliere al meglio i propri nuovi serramenti al fine di poter richiedere la detrazione fiscale.

Il primo elemento da prendere in considerazione è il materiale in cui saranno realizzati i serramenti, in quanto ogni materiale ha i suoi pregi ed i suoi difetti. Il legno è il materiale più pregiato per le finestre e garantisce il miglior isolamento termico, per contro tuttavia è molto costoso e richiede una certa manutenzione. L’alluminio è sicuramente il materiale più economico con il quale realizzare una finestra ma è anche il meno isolante e non di rado favorisce la presenza di ponti termici. Il pvc è il perfetto compromesso tra i due precedenti materiali, in quanto è relativamente economico, facile da pulire e garantisce un notevole isolamento termico.

I serramenti in pvc di ultima generazione a taglio termico, garantiscono un’ottima tenuta stagna ed una limitata trasmittanza termica. La tenuta ermetica fa si che non si infiltrino spifferi, pioggia ed umidità, mentre la trasmittanza termica fa si che il calore del riscaldamento invernale non si disperda dalla struttura stessa del serramento. Come vedremo più avanti nel corso dell’articolo è proprio la trasmittanza termica un indice fondamentale, quando si andrà a fare richiesta dell’incentivo.

Per migliorare ulteriormente l’efficienza di un serramento come quello appena descritto è anche possibile abbinarvi vetri basso emissivi. Si tratta di due lastre appaiate con all’interno un apposito gas che previene le dispersioni di calore. Sono acquistando i vostri serramenti da professionisti del settore avrete la certezza della presenza di questo gas.

Infine per richiedere l’incentivo fiscale del 65% è necessario che i vostri nuovi infissi è necessario che i serramenti acquistati siano caratterizzati da una trasmittanza termica uguale o inferiore a quella stabilita dalle apposite tabelle ministeriali in riferimento all’area climatica in cui si trova l’abitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 9 =