Come si effettua un buon trasporto a temperatura? Con i dati
Lavoro e formazione

Come si effettua un buon trasporto a temperatura? Con i dati

Raccogliere ed esaminare i dati di viaggio è una delle pratiche migliori per aumentare la sicurezza del trasporto a temperatura

Il trasporto a temperatura si è evoluto molto in questi anni, con continue migliorie ai mezzi di trasporto, all’organizzazione e al packaging. Ma se c’è qualcosa che è in grado davvero di garantire un salto di qualità, è il monitoraggio della temperatura.

Sono già molte le aziende che utilizzano datalogger per controllare la catena del freddo, ma spesso l’impiego si limita al controllo durante il trasporto. Questo fa sì che si tralasci un aspetto estremamente importante, che è quello della raccolta e dell’analisi dei dati.

Ma in cosa si differenzia l’analisi dei dati a posteriori rispetto a quella in tempo reale?

L’impatto dei dati sul trasporto a temperatura

Il monitoraggio in tempo reale permette di salvaguardare il trasporto mentre è in atto, ma l’analisi dei dati raccolti consente di migliorare tutta la logistica su un periodo di tempo molto più ampio, aiutando a prevenire imprevisti e incidenti futuri.

Studiando i dati raccolti, infatti, è possibile capire:

  • Quali sono i momenti di maggiore escursione termica e limitarli
  • La reale efficacia dei sistemi di conservazione
  • Quali possono essere i fattori in grado di mettere a rischio l’integrità dei prodotti

Dove procurarsi i giusti strumenti?

Ovviamente, un buon lavoro di monitoraggio ha bisogno di hardware e software di qualità. Air Sea Italia, azienda distributrice di soluzioni per il trasporto a temperatura, mette a disposizione delle imprese una serie di datalogger altamente precisi e regolabili, ai quali è possibile collegare un apposito programma per l’analisi, l’archiviazione e la condivisione dei dati raccolti. Con questi strumenti, visibili sul sito www.airesea.it, si ha la possibilità creare interi report sulle performance termiche delle spedizioni, confrontarli e condividerli con ogni persona addetta al controllo della logistica, oltre a settare allarmi specifici per ogni evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − undici =