SEO audit di un sito web: gli step fondamentali

Eseguire una buona analisi di un sito per organizzare il lavoro SEO

Quando ci si approccia per la prima volta ad un sito web, per il quale dobbiamo effettuare una SEO audit, magari prima di preparare un preventivo per la sua ottimizzazione, è importante seguire un filo logico e un percorso ben precisi, per non rischiare di tralasciare aspetti importanti e farsi un’idea sbagliata della situazione, che potrebbe poi inficiare l’intero lavoro SEO sul sito.

Ognuno ha il suo metodo per analizzare un sito web e probabilmente è sbagliato provare a delineare un modello di SEO audit standard, però è bene comunque seguire alcune regole che più o meno si adattano ad ogni sito e ad ogni nicchia di mercato. Sul sito DoveDeve.it viene proposto un percorso di analisi di un sito web che si riassume in pochi, semplici step.

Analisi delle parole chiave e del posizionamento

Una prima analisi per avere subito un’idea dello stato di salute di un sito, può essere quello di analizzare per quali parole chiave è posizionato e la distribuzione di queste all’interno della SERP di Google (un sito che ha molte parole in prima pagina sicuramente è più autorevole di uno che le ha in quinta, o ancora più indietro). Anche il numero totale di keyword posizionate ci può aiutare a capire che potenziale ha quel sito, se ci sono margini di crescita e in che tempi. Ovviamente l’analisi delle parole chiave si deve estendere all’intera nicchia di mercato, per valutare anche le opportunità che il sito non sta ancora sfruttando e valutare se e come intervenire.

Per una prima analisi sommaria di questo tipo, possiamo utilizzare degli ottimi tool, in grado di farci risparmiare molto tempo: SEOZoom e SEMrush.

Analisi della struttura del sito

Analizzare a fondo la struttura di un sito è fondamentale per scoprire gli eventuali errori ad una corretta indicizzazione da parte di Google. In questa fase possiamo renderci conto di come è stata costruita l’alberatura del sito e se ci sono interventi da fare per renderla più ordinata e verticale, facilitando sia lo spider di Google, che, soprattutto, gli utenti in cerca di informazioni sul nostro sito.

Un ottimo strumento da utilizzare in questa fase è sicuramente Screaming Frog (o in alternativa Visual SEO), un tool che simula una scansione completa del sito ed evidenzia errori di stato, meta tag mancanti, duplicati o non ottimizzati e tutta una serie di dati fondamentali su cui lavorare per ottimizzare al meglio il sito.

Analisi dei contenuti

La struttura di un sito è importantissima, ma altrettanto lo sono i contenuti: anche un sito perfettamente organizzato avrà problemi a posizionarsi se i contenuti sono scadenti. In questa fase bisogna analizzare i singoli contenuti, post e pagine del sito, per vedere se e come possono essere migliorati, sia lato codice che a livello semantico, cercando di offrire la migliore risposta possibile al topic che trattano.

Analisi delle prestazioni

Anche la velocità è un aspetto da non sottovalutare: se a livello di user experience è abbastanza evidente che generalmente nessun utente ama un sito lento, è importante sapere che questo non piace a Google e che la velocità di caricamento costituisce un fattore di ranking, a cui ultimamente è stata attribuita maggiore importanza.

Per analizzare le prestazioni di un sito esistono molti strumenti utili: oltre a PageSpeed di Google, i migliori a mio avviso sono GTMetrix e Pingdom.

Analisi del profilo backlink

Per ultimo, ma non certo per importanza, è opportuno fare un’analisi approfondita del profilo backlink del sito che stiamo valutando, per capire se i link (ammesso che li abbia) sono stati acquisiti in modo naturale, o se sono state fatte campagne di link building, magari in modo poco accurato e a rischio penalizzazione.

Per analizzare i backlink di un sito i due strumenti più utilizzati sono Ahref e Majestic SEO.

Una volta eseguite queste analisi, avremo già un’idea generale dello stato di salute del sito e sapremo dove mettere le mani per pianificare una strategia SEO di successo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.