Come spostare le applicazioni su sistema operativo Android

Fedele compagno del quotidiano di milioni di individui, lo smartphone – ad eccezione degli appassionati della mela di Cupertino– usa nella stragrande maggioranza dei casi come sistema operativo, quello Android che risulta essere facilmente comprensibile e leggero. Questa semplicità di utilizzo rende questo device ideale per l’installazione di moltissime applicazione ma non solo; anche un flusso dati continuo con altri hardware come tablet e pc.
L’universo delle App è talmente ampio ed in costante espansione che, nonostante la presenza di una scheda di memoria supplementare sia possibile riscontrare prima o poi, un avviso indicante la memoria piena o in via di esaurimento.
Come affrontare e risolvere, un problema del genere?
Il S.O. Android è predisposto per esserci d’aiuto anche in questo frangente. Sarà sufficiente andare nel Playstore e cercare l’applicazione o il programma capace di snellire i giga consumati nella memoria del nostro telefonico.

Innanzi tutto il primo step da compiere deve essere quello di verificare se, all’interno della nostra galleria o nei download o nella cartella della musica, ci siano file che è possibile eliminare definitivamente per liberare il consumo della memoria già impiegata ma, ammettendo che tale operazione sia stata già precedentemente effettuata e tutto ciò che risiede nella memoria del telefonino ci è indispensabile, è bene passare al secondo passaggio che è quello di controllare e verificare le App installate.
Le stiamo realmente usando tutte? O forse sarebbe meglio fare una intelligente cernita a tal proposito e mantenere solo le applicazioni alle quali costantemente ci stiamo affidando?

Abbiamo già dato per scontato che ci sia inserita una scheda SD micro aggiuntiva dove sono stati immagazzinati i dati che dobbiamo e vogliamo mantenere in essere.
Installando una specifica App di riferimento, sarà tuttavia possibile selezionare e trasferire, tagliando e copiando,  i dati da una Sim ad un’altra controllando anticipatamente che la scheda microSD sia vuota o che, per lo meno, abbia lo spazio per ospitare i gigabyte che si andranno a trasferire.
Nel caso in cui la microSD non sia libera e liberabile, è possibile sfruttare le opzioni di queste App che consentono, in un lasso di pochi secondi, di formattare totalmente il contenuto al fine di lasciare lo spazio necessario per il trasferimento dei dati della memoria dello smarphone.
Ideale è avvalersi di una microSD di 64 GB per avere spazio sufficientemente ampio per trasferire i dati ogni qualvolta si ha la necessità di rinnovare il contenuto dello smartphone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.