La bellezza dei borghi salentini durante il Natale

Chi non conosce il Salento? Il Salento estivo, quello delle spiagge, del mare, del sole, delle lunghe notti illuminate? Eppure c’è un Salento diverso da scoprire, quello del Natale, dei vicoli umidi, dei mercatini, delle feste patronali e di tutto ciò che succede nei vicoli dei tantissimi borghi salentini.

Il Salento è conosciuto dai più come la terra del sole, del mare e del vento, come recita anche una vecchia canzone popolare e come sanno tutti gli abitanti del posto, dai più piccini a quelli più anziani. Tutti conoscono i numerosi hotel nel Salento che permettono di vivere vacanze straordinarie all’insegna del relax, del mare con le sue acque cristalline e con le sue spiagge di sabbia finissima da un lato e le sue grandi scogliere a strapiombo, le cavità e le grotte dall’altro.

Il Salento è una terra di contrasti che si riflettono in ogni dove, dalla tradizione enogastronomica, al clima, alla geomorfologia e, molto meno conosciuta, alla tradizione natalizia. Tradizione che vive e pulsa incessantemente nei numerosi borghi salentini, custodi proprio di queste tradizioni che affondano le loro radici in tempi antichissimi.

Il Salento, soprattutto quello basso che va dalla città di Lecce fino al Capo di Leuca, è disseminato di numerosi paesini a loro volta raggruppati in aree che conservano ognuno le proprie tradizioni derivanti dalla loro origine. Ci sono ad esempio i paesi della Grecìa Salentina, in cui si parla ancora un vecchio dialetto neo-greco conosciuto come griko.

Questo insieme di tradizioni è vivo più che mai soprattutto nel periodo natalizio, essendo uno dei periodi più ricchi a livello di festività religiose. Così per tutti coloro che vogliono respirare queste tradizioni non c’è periodo più bello di questo per visitare gli splendidi borghi salentini, con i loro vicoli, le stradine tappezzate di basolato in pietra leccese, le piccole case addossate ingiallite dal sole e con le pareti di pietra calcarea consumata dalla pioggia. Non è un caso infatti che questa regione possiede un numero impressionanti di quelli definiti come borghi autentici d’Italia.

Uno di questi borghi ad esempio è stato scelto dalla Ferrero per l’ultima pubblicità del cioccolatino Rocher. In occasione di questo evento l’intero centro storico è stato illuminato a festa completamente, rendendo l’atmosfera del Natale ancora più magica.

Sono molte quindi le attrazioni e le festività che in questo periodo è possibile vivere in tutto il Salento, dai numerosi mercatini di Natale a Muro Leccese, a Lecce e così via, alle feste religiose come Santa Lucia o il giorno dell’Immacolata nel quale, per tradizione, si iniziano ad addobbare le case per Natale. E ancora a queste feste sono legate alcune delle più importanti tradizioni culinarie come ad esempio le pittule, i porciddhuzzi, le cartellate, i tanti tipi di biscotti, e poi ancora la pasta fatta in casa e molto altro.

Se dunque avete visitato il Salento durante l’estate e avete voglia di riviverlo sotto un altra luce, allora vi consigliamo di prenotare uno dei tantissimi hotel nel Salento aperti anche durante l’inverno (ce ne sono tantissimi), e godervi questa terra misteriosa ma sempre da scoprire. Una terra difficile, scolpita non solo dal vento ma dalle tradizioni, ancora vive, ancora inossidabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.